7. Next Generation 2021

Obiettivo del 2° BANDO 2021 di Fondazione VRT era quello di agevolare, incentivare ed implementare l’applicazione di tecnologie, brevetti, invenzioni, know-how e competenze sviluppati nell’Università di Trento e negli altri Centri di Ricerca Trentini. Particolare attenzione era rivolta a tutti i progetti con governance femminile.

Pubblicazione del bando: 5 marzo 2021

Scadenza presentazione progetti: 19 marzo 2021

Progetti selezionati

VirLab_Salute FBK foto team.png
Tavola disegno 1.png

ViRLab_Salute: Un laboratorio di Realtà Virtuale per Sperimentare Interventi Psico-Educativi su popolazione clinica e non clinica

Proponente: Silvia Gabrielli, Digital Health Lab (FBK). Team: Giulia Malfatti, Francesca Perini, Stefano Forti, Marco Dianti, Susanna Pardini

Scopo del progetto è attrezzare un laboratorio scientifico per lo studio di applicazioni di Realtà Virtuale (RV) a favore di cittadini e pazienti in Trentino. Verranno sviluppati ambienti di RV per il training alle tecniche di rilassamento ed il supporto alla gestione di ansia e stress, testati inizialmente su un centinaio di cittadini con tali problematiche (es. studenti e lavoratori) per estendere poi la sperimentazione e l’utilizzo anche a pazienti cronici, nell’ambito delle attività di TrentinoSalute 4.0.

Impatto previsto: Sperimentazione iniziale su popolazione non clinica: circa 100 persone (entro il 2021). Successiva estensione anche a pazienti cronici (es., con diabete, oncologici) nell'ambito delle attività di TrentinoSalute4.0 e utilizzatori della piattaforma TreC in Trentino.

FOTO-VRT-COVIDVAX.jpg

COVIDVAX

Proponente: Valentina Marziano, Stefano Merler, Piero Poletti, Giorgio Guzzetta / Centro Health Emergencies / FBK

Il modello sviluppato potrà essere utilizzato nel breve termine per orientare le scelte di salute pubblica con l’obiettivo di minimizzare il numero di morti da COVID-19 in Italia.

I risultati dell’indagine sui contatti sociali potranno essere utilizzate per informare i futuri studi sulla diffusione di SARS-CoV-2 e di altri agenti patogeni nel nostro paese.

foto_Inspicio_progetto_visiONE.jpg
Tavola disegno 1.png

VisiONE: un nuovo strumento per il monitoraggio dell’aria

Proponente: Inspicio S.R.L. - Alessio Perinelli, Chiara Cestari, Leonardo Ricci, Mario Scotoni

Il settore della sensoristica ambientale è continuamente alla ricerca di soluzioni e servizi di misurazione affidabili per migliorare il processo decisionale, la sicurezza e l'efficienza. Il progetto presentato consiste nella costruzione e validazione di VisiONE, un sensore ad alto contenuto tecnologico per la misura oggettiva della visibilità, e quindi della concentrazione di aerosol/nebbia/particolato, con finalità legate al monitoraggio ambientale, dell'aria e delle condizioni meteo. Destinatari della soluzione proposta sono campi quali ad esempio trasporti stradali ed impianti sportivi (impianti sciistici, stadi).

Impatto previsto: Nella verosimile prospettiva di un impiego sempre maggiore di sensori intelligenti, ad esempio per la guida autonoma, l'impatto di una soluzione come VisiONE è di dimensioni pari al parco di veicoli circolanti. Per quanto riguarda l'impiantistica sportiva, ed in particolare quella del comparto sciistico, l'impiego di una soluzione come VisiONE contribuirà a fare del nostro territorio un modello all'avanguardia, non da ultimo nella prospettiva delle olimpiadi invernali 2026.

Foto_SIPOBIO.jpg

SiPoBio: Sistema portatile per la rivelazione ad alta sensibilità di biomarcatori circolanti nel sangue

Proponente: Cristina Potrich, Cenro Sensori e Dispositivi, Fondazione Bruno Kessler; Laura Pasquardini, Indivenire srl; Lucio Pancheri, Dip. Ingegneria Industriale, Università di Trento

Nell’era della medicina personalizzata è cruciale lo sviluppo di sistemi molecolari per la rivelazione di biomarcatori, allo scopo di migliorare la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il follow-up di molte patologie. Questo progetto risponde con la realizzazione di un sistema con sensibilità incrementata grazie a superfici funzionali e ad un sistema di lettura ottimizzato. La manipolazione automatizzata dei fluidi permetterà al prototipo sviluppato nel progetto di eseguire l’analisi dei campioni d’interesse, aprendo la strada allo sviluppo di sistemi per analisi poco invasive, rapide e quindi destinate ad un elevato numero di individui.

Impatto previsto: Il prototipo implementato verrà validato con un biomarcatore standard, ma semplicemente cambiando l'elemento di riconoscimento specifico potrà essere utilizzato non solo per rivelare altri marcatori in campo biomedico, ma anche in campi diversi, come ad esempio nel campo agro-alimentare per la rivelazione di contaminanti, ampliando enormemente la platea di potenziali beneficiari.

poster_vrt_color.png

ARTEMIS- Assistive Robots wiTh EMotIonal Skills

Proponente: Prof. Elisa Ricci, Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione

Impatto previsto: Nel breve termine, la tecnologia sviluppata in ARTEMIS per realizzare robot sociali verrà dimostrata nei laboratori universitari del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione. Nel lungo periodo l’ambizione è quella di utilizzare robot sociali anche in strutture sanitarie e RSA trentine.

Logo-Fondazione-VRT-esteso_TRATTO.png

Monitoraggio capillare di SARS-CoV-2 nelle acque reflue di aree decentrate

Proponente: Paola Foladori (UNITN); Serena Manara (UNITN); Francesca Cutrupi (UNITN); Maria Cadonna (ADEP-PAT)

Impatto previsto: Almeno 5 ampie zone turistiche (montane e laghi) in cui monitorare i reflui con 1 analisi settimanale in grado di coprire una popolazione servita pari complessivamente almeno a 100,000 abitanti con popolazione turistica (in base alle riaperture).

Team di progetto1_vrt_U0002696.jpg

Metodi di studio dell'interazione tra ammendanti e sostanza ORGanica del suolo: il caso dell'HYDROchar (HYDRORG)

Proponente: Daniela Bona; Silvia Silvestri; Daniela Bertoldi (FEM - CTT); Fulvia Tambone; Stefania Mazzini (UNIMI - DISAA)

Impatto previsto: Le ricadute sul territorio saranno di tipo scientifico, culturale (la bioeconomia e la salvaguardia della qualità del suolo), agronomiche ed ambientali. Beneficeranno dei risultati di progetto, oltre alla Fondazione Mach e UNIMI, anche UNITN-DICAM che studia la tecnologia della carbonizzazione idrotermica, start up locali, il settore agricolo e quello della gestione dei rifiuti.

foto team.JPG
Tavola disegno 1.png
TeCoBeC.pub.png
Tavola disegno 1.png

BIO-SPA project

Proponente: Francesca Agostinacchio Eugenia Spessot Francesca Perin - Biotech Research Center - Dipartimento di Ingegneria Industriale - UniTn

DIPSCO

Proponente: Barbara Treccani, Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive - Università di Trento); Claudio Mulatti (Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive - Unversità di Trento); Denis Isaia (Mart - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto).

Nome del gruppo di Ricerca: TeAMLab

Impatto previsto: Si possono identificare tre tipologie di beneficiari. 1) Il personale in formazione che partecipando al progetto acquisirà competenze specifiche nell’area delle tecniche di modifica del comportamento. 2) Chiunque desideri mitigare l’impatto sulla propria quotidianità di ricordi a forte contenuto emotivo negativo. 3) I visitatori del Mart che potranno avvantaggiarsi di un'esperienza culturale più coinvolgente e soddisfacente.

VRT_2021.jpg

ncRNAs, Hidden No More. Efficiente e specifico isolamento di RNA non-codificanti fosfo-terminali e circolari

Proponente: Prof.ssa Marta Biagioli (referente progetto), Dr.ssa Jessica Doering, Dr. Miguel Pellegrini, Dr.ssa Guendalina Bergonzoni afferiscono al laboratorio di NeuroEpigenetica, Dip. CIBIO, Università di Trento. Il team si avvale anche della collaborazione con il Dr. Massimiliano Clamer, a capo di IMMAGINA BioTechnology.

Impatto previsto: L’ottimizzazione tecnica dell’isolamento/amplificazione e screening di circRNAs e 3′/2′,3′-P-RNAs consentirà la messa a punto di tecnologie/dispositivi potenzialmente brevettabili con la successiva immissione nel mercato, da parte di una company Trentina, di due nuovi prodotti per lo studio di nuovi ncRNAs. L’ottimizzazione delle due piattaforme di analisi di ncRNAs, consentirà di standardizzare la procedura e renderla applicabile in ambito clinico/diagnostico, per la ricerca di stabili, riproducibili biomarcatori diagnostici e prognostici, un campo di grande interesse per molte malattie neurologiche, ma anche per altre patologie.