5. Avvio sul mercato 2020

Obiettivo del bando è stato quello di accelerare la diffusione sul mercato di tecnologie innovative sviluppate in Trentino che offrono soluzioni e risposte concrete all’utente finale, alle persone e alle imprese contro gli effetti della Pandemia 2020.

 

Obiettivo del bando speciale innovazione per la montagna 2020 era quello di accelerare la diffusione sul mercato di tecnologie innovative per la fruibilità delle aree montane. Le tecnologie dovevano essere immediatamente rese fruibili per la fase di test sul mercato con l’utente finale.

Pubblicazione del bando: 18 novembre 2020

Scadenza presentazione progetti: 30 novembre 2020

Progetti selezionati

Team Euleria.png

Kari4Covid19 - Fase II

Proponente: Valentina D’Angeli per Euleria Srl

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Kari4Covid19 nasce per migliorare l’usabilità di Kari, un dispositivo medicale semplice ed economico che attraverso la somministrazione e il monitoraggio dell’esercizio-terapia da remoto si propone di abbattere le barriere tecnologiche alla riabilitazione a distanza. La soluzione è rivolta ai professionisti della riabilitazione e del movimento e ai loro pazienti, in particolare quelli fragili, che necessitano di una terapia continuativa ma che sono costretti a casa dall’emergenza Coronavirus. I risultati ad oggi superano le principali aspettative come indicato dai Key Performance Indicator (KPI): 50 pazienti reclutati (KPI≥40), 4616 esercizi eseguiti (KPI≥2500) e 52 teleconsulti (KPI≥50).

Video: Kari4Covid fase 2 | by Euleria

Impatto previsto: 90 professionisti della riabilitazione/movimento e 500 pazienti in Italia.

 

Aumento del numero di patologie trattate con Kari e del range di età dei pazienti, maggiore aderenza alla terapia, maggiore controllo da parte del professionista anche sulle sedute domiciliari dei propri pazienti.

Impatto raggiunto: Ad oggi: 13 professionisti della riabilitazione/movimento e 50 pazienti reclutati di cui il 50% in Trentino.

 

Maggiore accettazione della tecnologia da parte sia del paziente che del professionista, maggiore motivazione e quindi aderenza alla terapia, continuità di cura clinica-casa, aumento della tipologia di pazienti trattati con Kari (non solo neurologici, ma anche sportivi e ortopedici).

Impatto futuro: A due anni da oggi si prevedono almeno 180 professionisti della riabilitazione/movimento coinvolti e almeno 1500 pazienti. A tre anni più di 400 professionisti coinvolti e circa 5000 pazienti in Italia.

 

Kari sempre più riconosciuta come valida alternativa alla prestazione ambulatoriale in casi di lunghi tempi di attesa, possibilità di rimborso dal sistema sanitario nazionale, diminuzione dei costi per il servizio sanitario nazionale.

Team_Motorialab.jpg

NOFILE

Proponente: Motorialab + MPBA FBK

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Con NOFILE è possibile valutare in modo oggettivo, tutelando la privacy degli sciatori, gli assembramenti e i tempi di attesa alla partenza degli impianti di risalita nei resort sciistici, sviluppando stime predittive delle code per migliorare la gestione del rischio assembramenti in periodo CODIV-19 e in futuro i servizi agli utenti. L’obiettivo era sviluppare un prototipo da utilizzare per dimostrare ai clienti dei resort sciistici l’utilità del sistema. Il primo sistema è stato installato nel mese di Novembre 2020 per monitorare le code di 17 impianti di risalita della Skiarea Campiglio, il più grande ski resort italiano. Sfortunatamente viste le restrizioni legate alla pandemia il sistema di Campiglio è stato sottoutilizzato, tuttavia la richiesta del mercato per questo prodotto è già considerevole. Prova ne è che una seconda installazione è stata fatta a Crans Montana, resort svizzero di riferimento globale dove l’attività sciistica non si è fermata. In questo periodo stiamo raccogliendo l’interesse di diversi clienti per la stagione estiva 2021 e quella sciistica invernale 2021/2022. I destinatari sono i resort sciistici e gli sciatori trentini, italiani, europei e poi su scala globale. La stima dei tempi d’attesa viene inviata ad un'APP utilizzata dai responsabili della sicurezza e verso gli sciatori dando la possibilità di evitare assembramenti e code alla partenza degli impianti di risalita. Quella che si desidera proporre è una nuova user experience per un cliente digitale sempre più esigente innovando il modello d'uso e di consumo del prodotto piste da sci. Segnali di forte interesse, contatti commerciali e partnership industriali utili a commercializzare NOFILE sono già stati avviati con attori importanti del mercato sci come HTI (Leitner), Skidata e Team Axess. Queste realtà si sono subito dimostrate interessate al modulo previsionale sulle code agli impianti.

Video: SAFE NOFILE | Quali prospettive per il progetto sul distanziamento negli impianti sciistici?

Impatto previsto: Con i fondi ottenuti nella fase 1 é stato possibile installare e testare il sistema presso 4 aree sciabili: Paganella, Pinzolo, Madonna di Campiglio, Folgarida. Viste le restrizioni governative che non hanno permesso l’apertura della stagione invernali al pubblico il sistema é stato utilizzato unicamente a Pinzolo, unico skiresort attivo per gli sci club. Per l'anno solare 2021 prevediamo quindi di poter espandere l'uso del sistema ad altri ski resort raggiungendo un elevato numero di persone con la nostra piattaforma.

Impatto raggiunto: Al termine del progetto la piattaforma NOFILE é stata testata durante il periodo invernale unicamente presso lo ski resort Pinzolo, che é rimasto attivo per i soli sci club. Con i primi mesi di marzo siamo inoltre riusciti ad installare la nostra soluzione anche presso lo ski resort Crans Montana (CH), che non avendo restrizioni, ha permesso di testare il sistema con flussi a pieno regime. Secondo i log del modello AI di riconoscimento sono state classificate in totale tra le due aree sciabili circa 8000 persone.

Impatto futuro: Nei prossimi 6 mesi prevediamo di poter fare almeno una decina di installazioni sul territorio dell'arco alpino. Una quantificazione precisa del numero di persone che beneficeranno della soluzione non é possibile farlo perché molto dipende dalle restrizioni emanate dagli organi governativi, ma ragionevolmente é pensabile di servire il 10MLN di passaggi.

Emanuele_olivetti.jpg

AIMED - Artificial Intelligence in MEDicine

Proponente: Emanuele Olivetti (capoprogetto, FBK/NILab), Paolo Avesani (FBK/NILab), Gabriele Amorosino (FBK/NILab), Gaetano Calabrese (FBK/NILab), Silvio Sarubbo (APSS/Trento), Umberto Rozzanigo (APSS/Trento)

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Il progetto AIMED ha lo scopo di migliorare i servizi alla salute per il cittadino fornendo strumenti di diagnostica avanzata basati su Intelligenza Artificiale ai medici sul territorio. In particolare AIMED indirizza patologie come il tumore al cervello, portando recenti risultati della ricerca, come deep learning e modelli di fotogrammetria anatomica, a disposizione per la sperimentazione in Neurochirurgia e Radiologia.

Video: AIMED | Raggiunti gli obiettivi del progetto

Impatto previsto: Il server del progetto AIMED mette/metterà a disposizione differenti servizi che supportano innanzitutto la neurochirurgia di APSS Trento. Questi strumenti automatici di analisi delle immagini neuronatomiche andranno a ridurre drasticamente i tempi di questo tipo di analisi eseguite durante la fase di pianificazione dell'intervento del glioma di basso grado (tumore al cervello). L'effetto atteso è quindi sul 100% degli interventi di rimozione di questo tipo di tumore al cervello.

Impatto raggiunto: Il progetto è al terzo mese e quindi ancora lontano dal suo termine. I servizi e la loro valutazione da parte dei medici che collaborano col progetto sono in corso d'opera.

Impatto futuro: In questo momento, l'impatto futuro può essere solo quello previsto nelle fase iniziali del progetto, visto che questo è in corso. Vale quindi quanto riportato alla voce "impatto prospettato".

IMG_0193-1.JPG
Tavola disegno 1.png

Project Manager: Giulia Malfatti

Responsabile scientifico: Stefano Forti

Televisita e Strumenti Innovativi (TeStI)

Proponente: Digital Health Lab -Fondazione Bruno Kessler e Azienda Provinciale per i servizi Sanitari per TrentinoSalute4.0

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Impatto previsto: Sono stati noleggiati 20 devices che verranno forniti ad altrettante famiglie, permettendo, attraverso procedure semplici e guidate, di monitorare temperatura corporea, immagini di orecchio, gola, cute, registrare frequenza e suoni cardiaci e suoni polmonari. Sono stati acquistati 10 iWatch che consentono di eseguire un ECG ad una derivazione (funzione certificata) che verranno forniti ad altrettanti pazienti con sospetta fibrillazione atriale.

Impatto raggiunto: Lo studio che si svolgerà nel corso di tutto il 2021, coinvolgerà pazienti pediatrici ed adulti afferenti al sistema sanitario locale. i partecipanti verranno individuati direttamente dagli operatori sanitari che forniranno la strumentazione prevista ai pazienti che potrebbero trarre migliore giovamento. Si prospetta di coinvolgere 30 pazienti nel corso dell'anno.

Impatto futuro: Grazie agli esiti attesi dello studio si potrà valutare una nuova modalità di presa in carico del paziente, che potrà ricevere le migliori cure nella tranquillità della propria abitazione. L'introduzione di devices tecnologici innovativi nella pratica clinica potrà avere un impatto non solo sul benessere dei cittadini, che potranno accedere ad un servizio sanitario d'avanguardia, ma anche sull'organizzazione del sistema sanitario locale, che potrà essere più vicino agli assistiti ottimizzando la gestione delle risorse disponibili.

txc2_team.png

D.A.D.DY

Proponente: Hyeon Kyeong (Chloe) Hwang, Tiziano Lattisi

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Impatto raggiunto: 600 (in 3 mesi di finanziamento), 4000 (nel resto del 2021).

Video: TxC2 - l'algoritmo per la segmentazione dei video avanza

Impatto futuro: 30.000 (2022), 100.000 (2023), 300.000 (2024)

prebiomics_founders.jpg

Supporto a PreBiomics Beta Program

Proponente: Mattia Bolzan

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Impatto previsto: Ad oggi PreBiomics è impegnata nella fase di validazione del test implementabile per prevenzione, diagnosi e supporto nella scelta di un percorso terapeutico personalizzato per le malattie peri-implantari. Tali malattie colpiscono circa il 50% degli oltre 12 milioni di impianti dentali inseriti annualmente a livello mondiale, di cui quasi 1 milione solamente in Italia.

Impatto raggiunto: L'obiettivo al termine del progetto è di validare la prima versione del test per le malattie peri-implantari e preparare la fase di commercializzazione, coinvolgendo innanzitutto le cliniche odontoiatriche trentine che stanno collaborando attivamente al progetto. La fase di test attualmente in corso coinvolge 2000 pazienti

Impatto futuro: Una volte commercializzato, il test porterà vantaggi a diverse figure nell'ambito della salute pubblica (non solo trentina ma potenzialmente anche a livello internazionale), in particolar modo a dentisti e pazienti. Ad esempio, l’uso dei test permette di prevenire l’insorgenza o l’aggravamento delle malattie peri-implantari portando ad una diminuzione dei disagi e dei costi a carico del paziente e/o dell’assicurazione sanitaria per eventuali complicanze o per un nuovo impianto dentale. La riduzione dei problemi dovuti agli impianti dentali migliora la relazione paziente/dentista e aumenta la reputazione e la fidelizzazione dello studio dentistico. In futuro il test potrebbe essere utilizzato in fase di prevenzione, diagnosi e cura potenzialmente in tutti gli impianti che vengono inseriti (che come scritto in precedenza sono circa 1 milione ogni anno in Italia)

ufficiale.jpg

Shield4US - Lavorare in sicurezza

Proponente: Francesco Pilati - Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Trento

Inizio progetto: 20 dicembre 2020

Termine progetto: 28 febbraio 2021

Impatto previsto: Questo progetto ha l’ambizione di essere un unicum nell’intero territorio nazionale e si pone l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per una ripresa in sicurezza delle attività delle varie strutture lavorative, con particolare riferimento al territorio Trentino. L'iniziativa è supportata da Confindustria Trento con una formale lettera di interesse. L'auspicio è quello di poter fornire alle imprese manifatturieri e non solo interessate una tecnologia di facile adozione e affidabile utilizzo per il tracciamento dei contagi da covid sul luogo di lavoro ma anche uno strumento per la valutazione del rischio di contagio dei diversi processi produttivi monitorati per agire in maniera preventiva

Impatto raggiunto: Dal punto di vista economico l’infrastruttura realizzata per far fronte a questa emergenza può nel medio periodo divenire un asset strategico per le imprese che potranno attraverso essa migliorare la propria sicurezza, organizzazione e produttività, sia attraverso una migliore gestione della salute dei propri dipendenti (welfare aziendale) sia attraverso l’ottimizzazione dei processi lavorativi. Le funzionalità di Shield4US verranno dimostrate presso il sito selezionato per la sperimentazione Meccaniche Cainelli S.r.l. di Volano (TN), utente finale del progetto.

Video: Shield4US | Grazie alla tecnologia UWB la localizzazione diventa di precisione

Impatto futuro: La tecnologia sviluppata e testata per applicazioni in luoghi di lavoro potrà essere adottata da quelle imprese manifatturiere interessate e caratterizzate da una forte interazione dei loro operatori (es. processi di assemblaggio manuale), sia del territorio Trentino che nazionale. Inoltre questa tecnologia potrà facilmente essere reindirizzata anche per la gestione degli accessi nelle sedi di studio o in altre attività sociali, culturali e religiose, nonché in attività lavorative con accesso di pubblico, quali ospedali, studi professionali, sportelli, etc, sia del territorio Trentino che di quello nazionale.